linea

il produttore racconta

Riné

pubblicato il 21 Marzo 2022
Gentili Clienti e Winelovers, vogliamo parlarvi del Riné. Il vino bianco di Cantrina, particolare taglio di Riesling e Chardonnay con altre varietà bianche presenti in azienda, pur mutando negli anni, è fin dal 1999 stato pensato come un vino dal grosso potenziale evolutivo e che sapesse esprimere il meglio di sé per molti anni successivi all’imbottigliamento. Ci siamo accorti che, negli ultimi anni, siamo stati spesso costretti a vendere il Riné troppo presto offrendo ai nostri clienti un vino ancora inespresso e, di conseguenza,  non pienamente apprezzato per il suo pieno valore. Abbiamo deciso di dare merito alle proprietà uniche di questo vino e di ritardare l’uscita sul mercato della nuova annata di Riné 2020 almeno fino all’autunno 2022. Come voi tutti ben sapete, la nostra è una piccola produzione, frutto di un’attenta selezione delle migliori uve prodotte negli 8 ettari di vigneto Bio attualmente coltivati. Proveniamo da tre annate consecutive poco produttive che ci hanno reso talvolta difficile produrre alcuni vini o a dover scegliere di ridurne il numero di bottiglie. Noi ci definiamo artigiani del vino e cerchiamo di curare ogni minimo particolare per arrivare, in maniera il più naturale possibile, a realizzare l’idea di vino che ci prefiggiamo di mettere in bottiglia per proporlo ai nostri clienti appassionati. Un “particolare” per noi fondamentale è la scelta del tempo giusto. Ecco, quindi, che c’è un giusto tempo per vendemmiare, uno per fermentare o per travasare, uno per maturare i vini,  uno per imbottigliare e infine uno per affinare le bottiglie prima che arrivi finalmente il tempo giusto per godere il frutto di un così lungo lavoro. Credeteci: questa decisione ci costa un grosso sforzo, logistico e perché no anche economico, e ci dispiace dover lasciare qualche cliente senza vino per qualche mese, ma siamo certi che questa scelta verrà apprezzata nel tempo come un atto di serietà e rispetto nei confronti di tutti i consumatori e del vino stesso. Grazie Cristina e Diego

Ancora sughero ma in futuro… chissà

pubblicato il 25 Febbraio 2015
Grazie per la partecipazione al sondaggio, le opinioni sono state tutte preziose e ci piace raccontarvi cosa abbiamo deciso sulla questione tappo a vite per Valtènesi (Groppello) e Riné. Nonostante la forte predominanza, da parte degli operatori del settore, di risposte a favore del tappo a vite, abbiamo capito che per Cantrina è ancora prematuro dotare buona parte della produzione di chiusura a tappo a vite.

Sughero oppure tappo a vite?

pubblicato il 11 Febbraio 2015
Mi piacerebbe avere una vostra opinione riguardo l’utilizzo del tappo a vite, stiamo valutando l’idea di utilizzarlo su altri nostri vini dopo la felice esperienza con il Rosanoire2013 e 2014.

Classe 64 in degustazione

pubblicato il 5 Gennaio 2015
Domenica sera (28/12/14) ho partecipato alla degustazione dei Bordeaux, ormai diventata un classico appuntamento di fine anno che Angelo Peretti organizza per solo pochi fortunati amici presso la Taverna Kus di San Zeno di Montagna. Secondo me è il miglior modo per festeggiare la fine di un anno e l’arrivo di quello nuovo. Di scena quest’anno 12 vini dell’annata 1964 (hanno cinquant’anni, avete capito bene) ed è sempre molto esaltante approcciarsi a questi vini e scoprire che spesso il fascino è un’emozione che non conosce età…
1 9 10 11 12 13 16