linea

newsletter

2021 report di fine anno

pubblicato il 17 Dicembre 2021

Buongiorno a tutti, eccoci ormai giunti alla fine di un 2021 che ancor più del solito è stato particolarmente stressante e impegnativo sotto svariati punti di vista: la gelata primaverile, l’incertezza generale che tutti ben conosciamo e che rende difficile fare programmi a lungo termine, il lavoro che è ripartito andando oltre ogni previsione da metà anno in poi, ha fatto sì che siamo arrivati in ritardo per la consueta newsletter autunnale.

Cantrina si caratterizza nel produrre, in piccoli numeri, vini dal forte carattere e personalità, per certi versi unici, che si rivolgono a un mercato di nicchia e di veri appassionati e che costituiscono parte integrante e linfa vitale per l’azienda. Ancora una volta, quindi, vogliamo ringraziare tutti voi, che per noi non siete solo semplici clienti, ma anche amici e che, come ogni anno, ci avete accompagnato e sostenuto con le vostre visite in cantina e l’apprezzamento per i nostri prodotti. Ora qualche breve informazione:

Vendemmia

“Poca ma buona”: la gelata primaverile ha ridotto fin dal germogliamento il potenziale produttivo del vigneto, ma siamo riusciti, con pazienza e dedizione, a portare in cantina una vendemmia che si prospetta di ottima qualità. Per alcuni dei nostri vini avremo sicuramente qualche bottiglia in meno, ma crediamo che ci saranno grandi soddisfazioni soprattutto pensando ai vini da più lungo invecchiamento.

Nuove annate

Abbiamo da poco iniziato la vendita del Nepomuceno 2017 (qualcuno di voi ne ha già approfittato), mentre le nuove annate 2021 dei vini rosa, tanto il Rosanoire 2021 come il Valtènesi Chiaretto 2021, saranno disponibili verso fine febbraio. In primavera poi saranno disponibili lo Zerdí 2019 e il Groppello 2021. Una novità riguarda l’etichetta del Groppello che cambierà nome e diventerà MYGroppello, a sottolineare la particolare interpretazione che facciamo del nostro vitigno autoctono.

Riné

Una importante novità riguarda invece il Riné l’unico bianco aziendale e di cui abbiamo recentemente esaurito l’annata 2019: abbiamo deciso, dopo lunga e attenta valutazione, di ritardare quantomeno fino al prossimo autunno 2022 l’uscita sul mercato della nuova annata di Riné 2020. Il 2020 è già in bottiglia dallo scorso 23 luglio, ma merita e necessita di un giusto periodo di affinamento per esprimere al meglio la propria personalità ed è giunto il momento di tornare a dare a questo vino il tempo e l’attenzione che si merita: è stata una decisione meditata e per certi versi coraggiosa a sofferta, ma spero che sarà compresa e apprezzata a tempo debito. Comunque, a breve provvederemo a dare una comunicazione più dettagliata in merito.

Appuntamenti

Il Mercato dei Vignaioli si è appena svolto, il prossimo appuntamento è al Vinitaly 2022 nell’area della FIVI…

Auguriamo a tutti voi e alle vostre famiglie un felice Natale. Vi aspettiamo a Cantrina 2022! Cristina e Diego

Befana 2018

pubblicato il 8 Gennaio 2018
Buon inizio anno a tutti, è arrivata la Befana e con essa qualche News di Cantrina…. Novità! Vinitaly 2018: dopo 4 anni di presenza alla fiera Prowein di Düsseldorf e nella quale abbiamo raccolto preziosi contatti, abbiamo deciso di cambiare e tornare a Vinitaly 2018, dal 15 al 18 Aprile prossimi, come sempre in quel di Verona. La nostra presenza consisterà in un piccolo spazio all’interno del gruppo FIVI.

Post vendemmia: le considerazioni del produttore…

pubblicato il 16 Novembre 2017
Considerazioni del produttore
Ora che le fermentazioni sono praticamente finite, eccoci alle consuete considerazioni sulla vendemmia (o forse sarebbe più giusto dire annata) 2017. Come si prevedeva, le temperature particolarmente calde e la scarsità di precipitazioni che ci hanno accompagnato per tutta la stagione – circa il 60% in meno del solito – hanno portato due settimane di anticipo sui normali tempi di vendemmia, così che il 18 Agosto il primo pinot nero per il Rosanoire era già in Cantina e a una settimana di distanza è poi toccato alle uve bianche.

Estate 2017 – La vendemmia è vicina

pubblicato il 7 Agosto 2017
Ci siamo, quasi… Dopo una stagione assai tribolata e in cui non ci siamo fatti mancare davvero niente, in termini di bizzarrie meteorologiche, siamo oramai prossimi alla vendemmia delle uve più precoci. Dopo un inverno secco, ma finalmente freddo, è esplosa già a marzo una primavera calda e anticipata, bruscamente interrotta dalla gelata del 19 aprile che ci ha fatto perdere circa il 30% della produzione… La stagione è poi proseguita avara di pioggia e con periodi, specialmente da giugno in poi, via via sempre più caldi fortunatamente interrotti da quei pochi temporali che hanno consentito di alleviare un poco la siccità persistente che ha caratterizzato questa annata. Il caldo africano degli ultimi giorni, inoltre, sta sicuramente mettendo a dura prova una certa parte del vigneto, là dove i suoli sono più magri e asciutti.
1 3 4 5 6 7 14